DELL'ERBA AUGUSTO

nuova puglia d'oro_total white

DELL'ERBA AUGUSTO

nuova puglia d'oro_total white

Bari 10 agosto 1954

Avvocato civilista, dal 1996 è presidente della Cassa Rurale ed Artigiana di Castellana Grotte, che ha registrato una costante crescita della raccolta e  degli impieghi, con un significativo incremento degli sportelli fino agli attuali 13, dislocati nel sud-est barese; quale presidente della Federazione Italiana Banche di Credito Cooperativo è alla guida di una realtà che riunisce 238 Banche di Credito Cooperativo, Casse Rurali e Casse Raiffeisen (Alto Adige) con 4.155 sportelli in 698 comuni italiani; È consigliere e membro del Comitato Esecutivo ABI – Associazione Bancaria Italiana e vice presidente FeBAF – Federazione Banche Assicurazioni e Finanza.

Nell’intervista alla Gazzetta del Mezzogiorno del 18 ottobre 2022 il barese “per occasione” precisa che si sente «castellanesissimo». Tale sottolineatura mostra subito il carattere dell’uomo e ne testimonia il legame profondo con il territorio. Vito Lorenzo Augusto dell’Erba si sente espressione della migliore provincia, quella da cui è partito, in cui opera tuttora e che gli ha permesso di diventare una delle personalità più apprezzate nel mondo del credito italiano.

La prestigiosa nomina a Cavaliere del lavoro suggella un percorso che lo ha portato alla guida di Federcasse, la Federazione italiana delle Banche di credito cooperativo (riunisce 238 banche di credito cooperativo, casse rurali e casse Raiffeisen dell’Alto Adige, 4.155 sportelli in 698 comuni italiani).

Dell’Erba è anche presidente delle Bcc di Puglia e Basilicata e, dal 1996, della Cassa rurale e artigiana di Castellana Grotte. Sotto la sua egida l’istituto ha conosciuto una costante crescita della raccolta e degli impieghi a sostegno del tessuto economico, arrivando a registrare un «Total capital ratio», principale indicatore europeo sulla solidità delle banche, del 28,75% rispetto alla media di settore del 16,60%. Gli sportelli sono passati dagli iniziali quattro agli attuali 13, dislocati nel Sudest barese con i dipendenti diventati 115.

Per Augusto dell’Erba l’onorificenza, ricevuta rappresenta un doppio motivo di orgoglio e soddisfazione. «A titolo personale – rimarca – è il riconoscimento del lavoro svolto negli anni. C’è poi un altro aspetto legato al mio ruolo. È molto significativo che il riconoscimento sia anche per il credito cooperativo in generale e, in particolare, pugliese e lucano».

Alla domanda “Quali meriti si attribuisce” risponde nell’intervista della Gazzetta del Mezzogiorno: “Avere sempre lavorato per valorizzare il sistema del credito cooperativo, fatto di banche autenticamente cooperative, caratterizzate da un particolare modello di impresa che non ha eguali in Europa e frutto di una sedimentazione normativa i cui principi sono affermati già nella Carta costituzionale. Un sistema unico, figlio ed espressione delle comunità in cui opera».

E dire che negli anni si è provato a metterlo in discussione, fino alla riforma del 2016 che ha messo un punto fermo. “La riforma è stata praticata e declinata al meglio. Tutte le banche tutte hanno superato brillantemente la crisi congiunturale del credito e oggi abbiamo un sistema in buona salute. E senza che si sia reso necessario il ricorso al sostegno dello Stato.

https://www.cavalieridellavoro.it/cavaliere/dellErba_Vito%20Lorenzo%20Augusto/2960/

 

Vito Lorenzo Augusto dell’Erba

 

Nominato Cavaliere del Lavoro il 30 05 2022

Settore Attività creditizia e assicurativa

REGIONE DI NOMINA Puglia

ATTIVITÀ Credito

 

PROFILO

È dal 2017 presidente della Federazione Italiana Banche di Credito Cooperativo – Federcasse e dal 1996 è presidente della Cassa Rurale ed Artigiana di Castellana Grotte.
Sotto la sua guida la Cassa ha conosciuto una costante crescita della raccolta diretta, che è passata da 121 a 700 milioni di euro, oltre a registrare un incremento dei finanziamenti a sostegno del tessuto economico territoriale che sono aumentati da 58 a più di 500 milioni di euro.

Parallelamente, attraverso la fusione per incorporazione della Banca di Credito Cooperativo di Policoro, nel corso della sua presidenza la Cassa ha consolidato la sua presenza sul territorio passando da quattro sportelli agli attuali 13, dislocati in Puglia e in Basilicata, insieme ad un aumento del 26% del numero dei soci.
Oggi la Cassa Rurale e Artigiana di Castellana Grotte è una realtà cooperativa a mutualità prevalente con 3.140 soci e oltre 42.000 clienti. Il 97% dell’utile è destinato a riserva indivisibile.
Nel corso della sua gestione i livelli occupazionali sono aumentati dagli iniziali 50 agli attuali 106 e nell’ultimo anno l’istituto ha registrato un Total Capital Ratio, principale indicatore europeo sulla solidità delle banche, del 28,75% rispetto alla media di settore del 16,60%.

Particolare vicinanza alle esigenze delle imprese e delle famiglie è stata dimostrata dalla banca soprattutto nel periodo della pandemia durante il quale sono state deliberate rispettivamente 766 e 168 moratorie.

Su sua proposta l’istituto ha costituito un fondo di 200 mila euro per iniziative di solidarietà legate all’emergenza Covid – 19. Le somme sono state messe a disposizione per rafforzare le unità di terapia intensiva e sub-intensiva dell’ospedale di Bari e per l’acquisto di apparecchiature mediche.

Quale presidente della Federazione Italiana Banche di Credito Cooperativo è alla guida di una realtà che riunisce 238 Banche di Credito Cooperativo, Casse Rurali e Casse Raiffeisen (Alto Adige) con 4.155 sportelli in 698 comuni italiani.

In tale veste ha sostenuto molteplici iniziative, tra cui la costituzione di associazioni mutualistiche presso le singole BCC-CR per l’offerta di servizi di welfare alla persona. Attualmente sono 74 le mutue BCC attive che hanno assistito oltre 122 mila persone tra soci, clienti e loro famigliari.

Ha inoltre promosso la nascita del consorzio BCC Energia, realtà a cui aderiscono 138 consorziate e 118 aziende clienti delle banche di credito cooperativo, diretta a sostenere l’acquisto di energia da fonti rinnovabili. Grazie all’attività del consorzio, di cui è presidente, nel 2021 le BCC e i clienti aderenti al consorzio hanno risparmiato oltre 9 milioni di euro in costi di energia, evitando i rincari di mercato.

È consigliere e membro del Comitato Esecutivo ABI – Associazione Bancaria Italiana e vicepresidente FeBAF – Federazione Banche Assicurazioni e Finanza.

https://www.creditocooperativo.it/news/augusto-dellerba-nominato-cavaliere-del-lavoro

 

Noi Credito Cooperativo

Augusto dell’Erba nominato Cavaliere del Lavoro

31 maggio 2022

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha nominato Augusto dell’Erba, presidente di Federcasse e della Cassa Rurale di Castellana Grotte (BA), Cavaliere del Lavoro.

Intervistato dall’agenzia Ansa, dell’Erba ha precisato che si tratta di “un riconoscimento alla categoria che rappresento e al lavoro portato avanti in questi anni”. Il presidente di Federcasse ha colto l’occasione per tornare a parlare della necessità di “riconoscere una normativa più proporzionale e più adeguata all’attività che le BCC svolgono sui territori e nelle comunità”. “Questo può essere fatto non in Italia ma in sede europea”. Sebbene, infatti, il Credito Cooperativo sviluppi modelli di inclusione – ha detto il presidente – “soffre di un complesso di norme, poiché affiliati a Gruppi Bancari Cooperativi, come le banche significante”.

Sul conflitto in Ucraina dell’Erba ritiene che “bisognerà aspettare alcuni mesi almeno per vedere cosa potrà accadere”. In particolare, rispetto caro energia e dall’aumento dei costi delle materie prime. “Vedremo quali tra le nostre aziende sono impegnate verso quei Paesi coinvolti e quindi capiremo meglio nel tempo quali possono essere le conseguenze avverse”. Comunque, ha precisato “il patrimonio complessivo del nostro sistema è robusto e quindi può ben reggere quelle che potrebbero essere le criticità”. 

DAL 1996, AUGUSTO DELL’ERBA ALLA GUIDA DELLA CR DI CASTELLANA GROTTE

Augusto dell’Erba è presidente di Federcasse dal 2017 ed è alla guida della Cassa Rurale ed Artigiana di Castellana Grotte (Bari) dal 1996. È altresì presidente della Federazione Puglia e Basilicata delle BCC e del Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo.

Nell’ultimo esercizio, l’istituto bancario pugliese ha registrato una crescita costante della raccolta complessiva e degli impieghi. In aumento anche il numero degli sportelli.

POTREBBE INTERESSARTI