TORRES MICHELE

nuova puglia d'oro_total white

TORRES MICHELE

nuova puglia d'oro_total white

Adelfia, 7 Settembre 1955

Generale Corpo D’Armata (Ausiliaria)

Ha frequentato il corso dell’Accademia Militare di Modena e la Scuola d’Applicazione di Torino dal 1974 al 1978.
Il Gen. TORRES è laureato in Scienze Strategiche presso l’Università degli Studi di Torino (2000), in Scienze Politiche presso l’Università di Trieste (2004) e ha conseguito i Master di II livello in Scienze delle Comunicazioni (2008) presso la Sapienza di Roma e in Scienze Strategiche a Torino (2005).
Ha comandato unità di artiglieria in Italia e in Fort Sill, Oklahoma, USA.
Nel 1996 è in Gran Bretagna con i Royal Marines a Poole (Dorset) e successivamente presso il Royal Navy Staff College a Southampton (Hampshire).
Nel 1997 è stato impegnato nella Missione Militare di Pace NATO a Sarajevo in Bosnia Erzegovina e successivamente in Polonia, Ungheria e Kossovo.
Dal settembre 1997 al 2000 è stato al Cairo (Egitto) come Addetto Militare presso l’Ambasciata d’Italia con competenza anche in Khartoum (Sudan) e ‘Ndjamena (Ciad) e missioni operative in Siria, Israele e Giordania.
Nel 2006 ha ricoperto l’incarico di Vice Comandante della divisione britannica in Bassora (Iraq), nell’ambito della missione “ANTICA BABILONIA” .
Dal 2007 al 2011, nel grado di Generale di Divisione, ha ricoperto l’incarico di Capo Reparto Affari Generali dello Stato Maggiore dell’Esercito con missioni operative in Libano ed Afghanistan.
Dal 2011 al 2015 ha lavorato presso l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) in Vienna, come Direttore responsabile degli Accordi di Pace di Dayton, dove ha pianificato, coordinato le attività di riduzione/distruzione degli armamenti in Serbia, Montenegro, Croazia e Bosnia Erzegovina.
Dal 30 settembre 2015 è stato collocato in Ausiliaria ed attualmente è Consigliere particolare presso l’OSCE per i Trattati di Pace e Smilitarizzazione.
Ha collaborato con la Facoltà di Scienze Politiche di Firenze, la LUMSA di Roma, e l’Accademia Diplomatica di Vienna.

UNIMRI – Unione Nazionale Insigniti Ordine Al Merito Della Repubblica Italiana

Comm. Gen. C.A. Michele TORRES

Rappresentante Personale del Presidente in carica dell’OSCE
per l’articolo IV dell’allegato 1B degli accordi di pace di Dayton

Gen. D. Michele Torres, Vienna, 31 ottobre 2014 – (OSCE / Micky Kroell)

Biografia

Nel settembre 2011, il Comm. Gen. D. Michele Torres, italiano, è stato nominato rappresentante personale del Presidente in carica per l’articolo IV , allegato 1-B dell’Accordo quadro generale per la pace in Bosnia-Erzegovina .

Prima della sua nomina, Torres è stato Capo del Dipartimento degli affari generali dello Stato Maggiore dell’Esercito Italiano ed ha operato come portavoce dell’Esercito Italiano e Capo del Protocollo. Si è laureato in Scienze Strategiche a Torino nel 2000, si è laureato in Scienze Politiche a Trieste nel 2004 e ha conseguito un master in Comunicazione Istituzionale presso l’Università di Roma nel 2008. Torres ha iniziato la sua carriera militare nel 1974, svolgendo diversi ruoli nelle unità operative dell’Arma di Artiglieria.
Ha frequentato il corso avanzato di artiglieria sul campo e il corso per quadri di MLRS negli Stati Uniti, ed ha prestato servizio come addetto militare aggiunto presso l’ambasciata italiana in Egitto, Sudan e Ciad. Il Generale Torres è stato Capo di Stato Maggiore della Brigata Pinerolo, Comandante del Reggimento a Messina e Comandante di Brigata a Bari. Inoltre ha prestato servizio nello Stato Maggiore dell’Esercito come Capo Sezione, Capo Ufficio e Vice Capo Dipartimento, responsabile per le comunicazioni istituzionali, gli affari pubblici e le attività d’informazione. Torres ha operato in Bosnia-Erzegovina nel 1997 e a Bassora (Iraq) nel 2006 come Vice Comandante della Divisione Multinazionale Sud-Orientale ricevendo diverse decorazioni.

Il Generale Torres ha assistito le parti nell’attuazione dell’accordo, assicurando un’adeguata verifica dei dati forniti durante lo scambio annuale di informazioni militari e supervisionando la raccolta e la diffusione di tutte le notifiche ufficiali.
Il Rappresentante Personale del Presidente dell’OSCE può contare su un piccolo gruppo di specialisti del controllo degli armamenti per gestire questioni tecniche, risolvere ambiguità e persino proporre miglioramenti per aumentare l’efficacia dell’accordo.
Chiede assistenza ai Paesi dell’OSCE, prepara, coordina, monitora e facilita l’ispezione annuale ai sensi dell’articolo IV. Ha inoltre la responsabilità di mantenere aggiornato l’elenco degli assistenti di cui all’articolo IV forniti dai Paesi dell’OSCE e ne coordina la formazione.
In linea generale, il ruolo del Rappresentante Personale del Presidente dell’OSCE è quello di mediare il consenso politico, per garantire che il processo di stabilizzazione scorra e superi gli ostacoli all’attuazione dell’accordo.

POTREBBE INTERESSARTI